giovedì 10 novembre 2011

San Martino

Eccomi oggi a parlarvi di una ricorrenza che è molto sentita a Venezia.
L'11 Novembre è la festa di San Martino ( o estate di San Martino).
E'  un  particolare periodo dell'anno durante il quale, in seguito ai primi freddi, si verificano condizioni climatiche favorevoli e tiepide.
Un tempo era proprio in questo periodo che i contratti agricoli venivano rinnovati e i contadini usavano mangiare delle castagne accompagnate dal vino nuovo e giravano per le strade cantando sperando che gli abitanti buttassero altre castagne dalle finestre.
La tradizione vorrebbe che nel giorno di San Martino fossimo tutti più generosi in onore alla leggenda di San Martino, il quale donò il proprio mantello ad un mendicante affinché potesse scaldarsi. Dio in dono, fece aumentare leggermente le temperature e fece uscire il sole per scaldare entrambi.
A Venezia i bambini usano girare per calli e campielli , spesso addobbati da mantelli ed elmi, con mestolo alla mano e pentoloni  con i quali " suonano" e cantano San Martino campanaro e girano di negozio in negozio raccogliendo dolci e monetine per potersi comprare il dolce tipico di San Martino.
Questo dolce è un biscotto di pasta frolla decorato con glassa, cioccolato e caramelle.
Di per sè è molto semplice da fare ma è molto d'effetto ed i bimbi impazziscono davanti a questo dolcissimo cavallo che si inizia a vedere in tutte le vetrine di panifici e pasticcerie dai primi giorni di Novembre :-D
Per la frolla, ho usato quella che ormai non mollo più, ovvero la frolla di Luca Montersino e per le decorazioni...beh, dovete solo dare spazio alla vostra fantasia :-D La fantasia qui però non è la mia...ma della mia aiutante : Alessia :-P








Questo invece è il San Martino che ho preparato a mio cognato da portare al lavoro per mangiare con i suoi colleghi :-D  Ho aggiunto al centro il logo della ditta di trasporti per cui lavora in pasta di zucchero ;-) 






15 commenti:

  1. Conoscevo la storia di San Martino ma non la tradizione di Venezia! Bellissima città che mi è rimasta nel cuore! Nani

    RispondiElimina
  2. Venezia è sempre bella, ma ora che la folla dei turisti è diminuita, chissà che ambiente unico, con tutti questi San Martino nelle vetrine!
    I tuoi sono molto belli e sarà una grande festa
    :-)

    RispondiElimina
  3. Effetto grafico stupendo e... Venezia mi piace di più quando non c'è il Carnevale.

    RispondiElimina
  4. Grande Alessia!!!!!!!!!!!! Sei bravissima.
    Un bacio anche alla mamma.

    RispondiElimina
  5. e pensare che ho rischiato di farteli bruciare!! Sono veramente bellissimi e non è tanto per scrivere qualcosa...lo sai!! Bellissimi!

    RispondiElimina
  6. bello l'ho visto anche da laura .

    RispondiElimina
  7. Che bella la vostra tradizione per San Martino! Sei stata bravissima ^_^
    Tiziana

    RispondiElimina
  8. Deborah i tuoi dolcetti sono spettacolari, hai ragione, è bellissimo vedere e leggere le tradizioni diverse di ogni regione, ogni città, non conoscevo quella di Venezia, grazie per averne parlato. Le tradizioni sono una risorsa incredibile, speriamo che nel nostro piccolo, attraverso i blog, possiamo evitare di farle perdere. Complimenti!! ps: la frolla di Montersino? E' perfetta davvero, concordo, ormai non la mollo più neanch'io!

    RispondiElimina
  9. non conoscevo questa vostra tradizione veramente simpatica come lo sono anche i dolcetti che hai preparato!

    RispondiElimina
  10. Uno splendido post cara Deborah, che bello è conoscere le usanze popolari della nostra bella Italia, grazie!!!!!!

    RispondiElimina
  11. complimenti sia per questa ricetta di San Martino, sia per il blog! ciao da Elisa (http://imperatriceaifornelli.blogspot.com/)

    RispondiElimina
  12. sono sempre stata affezionata alla festa di San martino, ed ogni anno cerco di notare se la sua generosa estate, l'ultimo caldo prima dei freddi inverni, arriva, anticipa o tarda...
    questa tradizione però non la conoscevo, ed è davvero carina, oltre che ispirata a buoni sentimenti.
    Alessia hai fatto un ottimo lavoro!!! alcuni particolari sono perfetti! :) e chissà che buoni!

    RispondiElimina
  13. Ehi io sto sbattendo pentole e mestoli da due giorni, ma non vedo arrivare il tuo cavallo!
    :-D

    RispondiElimina
  14. Sinceramente non conoscevo le origini della festa di San Martino.
    Molto molto carini questi dolcetti decorati.

    RispondiElimina
  15. bella tradizione! non la conoscevo... e io ci sono anche nata nel giorno di san Martino!!
    complimenti alla tua aiutante perchè questi dolci sono davvero colorati e allegri!

    RispondiElimina